Logo vene-linfatici.it

Introduzione

Vene

Flebiti e trombosi

Malformazioni venose

Linfatici

Malattie dell’arto superiore

Emorroidi

Altre malattie ano-rettali

Prevenzione

Ultimi aggiornamenti

Ingrandisci Ingrandisci



Utilizza i tasti BACK e NEXT per sfogliare le diapositive!
Premi il tasto Pause per interrompere lo scorrimento e leggere con calma i testi!

VARICI E GRAVIDANZA

La gravidanza è caratterizzata da un progressivo aumento di flusso sanguigno e di volume dell’utero che provoca una compressione dei vasi venosi e del piccolo bacino o con una inversione del flusso sanguigno (reflusso) ed un aumento della pressione venosa (ipertensione venosa).
In soggetti predisposti alla malattia si formano vene varicose (varici) simili a quelle spontanee, ma che possono avere origini anatomiche diverse.
Devono essere studiate accuratamente e sottoposte a prevenzione in vista di peggioramenti e complicazioni.
La compressione dei vasi venosi addominali e del piccolo bacino con l’aumento della pressione venosa (ipertensione venosa) provoca anche un sovraccarico delle vene emorroidarie con la frequente comparsa di emorroidi.
In soggetti predisposti alla malattia si formano emorroidi simili a quelle spontanee, ma che possono causare più facilmente complicazioni come il sanguinamento e le trombosi emorroidarie.
Possono essere assistite e sottoposte a prevenzione.
Alcuni esempi di varici al 5° mese di gravidanza non provenienti da insufficienza delle vene safene, ma da vene genitali e glutee.Le varici da gravidanza si riducono spontaneamente dopo il parto.
Le complicazioni più temibili sono le flebiti superficiali e le trombosi venose profonde, in gravidanza, durante e dopo il parto (soprattutto dopo parto cesareo). E’ possibile l’embolia polmonare. La migliore prevenzione è rappresentata da elastocompressione e terapia fisica, in particolare da ginnastica specifica. In presenza di altri fattori di rischio per trombosi è essenziale rivolgersi agli specialisti, eseguire gli esami di laboratorio e provvedere all’opportuna profilassi e terapia farmacologica.