Logo vene-linfatici.it

Introduzione

Vene

Flebiti e trombosi

Malformazioni venose

Linfatici

Malattie dell’arto superiore

Emorroidi

Altre malattie ano-rettali

Prevenzione

Ultimi aggiornamenti

Ingrandisci Ingrandisci



Utilizza i tasti BACK e NEXT per sfogliare le diapositive!
Premi il tasto Pause per interrompere lo scorrimento e leggere con calma i testi!

I SINTOMI PRINCIPALI

VENE

Crampi muscolari notturni, senso di peso, bruciore, prurito, che si riducono con il fresco ed il movimento, gonfiore (sopratutto la sera).
Talvolta i disturbi notturni sono riferibili alla sindrome neurologica: 'Gambe senza riposo'.
Quelli diurni possono essere causati da insufficienze muscolari o da semplici varici reticolari.
Eczema venoso: rossore, desquamazione cutanea, prurito.
Flebite superficiale: vena gonfia, dura e dolente.
Trombosi venosa profonda: gamba gonfia, lucida, bluastra, diffusamente dolente.
Insufficienza venosa cronica: indurimento dei tessuti, macchie scure (discromie), ulcere.

MALFORMAZIONI VENOSE CONGENITE

Da modesti disturbi tipici venosi al forte dolore in movimento e a riposo (talvolta pulsante).
In caso di alterazioni associate del sistema scheletrico, disturbi conseguenti ad allungamenti o accorciamenti dei segmenti ossei.

ULCERE

Venose: dolore moderato dopo una posizione in piedi prolungata. Talvolta asintomatiche.
Arteriose: dolore costante che si accentua con il movimento.
Ipertensive: dolore costante che diventa insopportabile durante la notte.
Linfatiche: bruciore, prurito.

LINFATICI

Prevale il senso di tensione causato dall’edema (gonfiore).
Infiammazione cronica (linfangite cronica): gonfiore, indurimento e desquamazione cutanea.
Infiammazione acuta (linfangite acuta): bruciore, dolore, febbre.

GLI INESTETISMI

VENE

Presenza di varici tronculari e/o reticolari, capillari (propriamente dette telangectasie), macchie scure (discromie-pigmentazioni), ulcere. Il trattamento è finalizzato alla cura delle malattie delle vene e dei relativi disturbi, ma permette contemporaneamente di migliorare o risolvere anche le relative alterazioni estetiche in tempi variabili, in rapporto alla gravità della malattia.
N.B. Alcuni inestetismi temporanei o permanenti possono derivare dai trattamenti eseguiti: cicatrici, macchie scure, lesioni cutanee (piccole piaghe da scleroterapia o ustioni da procedure endovascolari), piccole nuove varici, piccoli nuovi capillari. Devono essere prevenuti con l’impiego delle tecniche più moderne ed eventualmente trattati successivamente.

MALFORMAZIONI VENOSE CONGENITE

Sono fra i più vistosi e difficilmente trattabili. Possono distribuirsi in tutte le regioni della superficie corporea, anche nelle aree più visibili.

ULCERE

Prevale l’invalidità che determinano, ma possono anch’esse essere considerate un elemento inestetico (anche dopo la guarigione, a causa della presenza degli esiti cicatriziali).

LINFATICI

Prevale l’invalidità che determinano, ma possono anch’esse essere considerate un elemento inestetico, causato dall’edema (gonfiore) più o meno evidente, fino agli aspetti mostruosi dell’elefantiasi.